Cos’è meglio tra l’Email e il Social Media?

shutterstock_75608932

di Taylon Chandler

Gli esperti di economia litigano da anni per capire se, nel mercato, sia più efficace l’email marketing  o il social media marketing, come se stessero discutendo se è nato prima l’uovo o la gallina. Sia le mail che il social marketing hanno molti aspetti positivi.
Il social è uno strumento nuovo e alla moda, e l’abbondanza di nuove piattaforme indica che chi fa marketing sta costantemente studiando nuovi modi per raggiungere i propri seguaci. L’email, invece, risale agli anni ’60. Ormai è uno strumento a cui diamo fiducia, una prassi consolidata. Quindi, qual è lo strumento migliore per il vostro business?
Entrambi, naturalmente. Dire che uno è meglio dell’altro è come dire che i tacchi a spillo sono meglio delle pantofole. Le due cose hanno scopi completamente diversi, quindi non ha senso giudicarli sugli stessi standard. Avete bisogno del social per raggiungere i vostri clienti target e stimolare il loro interesse, ed è necessaria l’email per trasformare quei clienti in conversioni (cioè per farli comprare quello che state vendendo).
Ecco maggiori informazioni per convincere voi (e il vostro capo), che l’email e i social media funzionano meglio insieme, non in competizione l’uno contro l’altro.

Il Social Media costruisce Consapevolezza e Coinvolgimento
Da quando Facebook ha cambiato il mondo come lo conoscevamo un decennio fa, i siti di social media e gli esperti di marketing hanno dovuto fare i salti mortali per tenere il passo. Oggi, quasi i tre quarti di tutti gli utenti Internet sono iscritti ad almeno un social. Ecco la ripartizione per fasce di età di chi è attivo sui social:

  • L’89% delle persone di età tra i 18 e i 29 anni;
  • Il 72% in età 30-49 anni;
  • Il 60% in età 50-60 anni;
  • Il 43% fra gli over 65.

Le campagne di marketing con i social media funzionano meglio per promuovere la conoscenza di una marca o di un prodotto e per favorire l’interazione tra un’azienda e i suoi clienti. La soluzione migliore è quella di pubblicare contenuti interessanti sui vostri profili social che dirigano chi vi segue al vostro sito, al blog o alla pagina sulla quale si possono iscrivere alla vostra mailing list.
Cercare di chiudere una vendita sul social potrebbe sembrare un modo semplice per risparmiare tempo e denaro, ma i risultati saranno certamente deludenti. Un sondaggio condotto dalla Javelin Strategy & Research ha rilevato che, mentre il 18% degli intervistati è molto propenso a fare un acquisto su un sito di social networking nel prossimo anno, il 67% degli intervistati ha detto che farlo sarebbe improbabile.
Quando i consumatori sono sui social media, non sono in vena di acquisti. Se cercherete di vendere loro qualcosa, li infastidirete. Invece, date loro quello che vogliono sul social (ad esempio contenuti interessanti) e costruite il vostro rapporto. Potrete iniziare il processo di vendita solo quando le persone si fideranno abbastanza di voi per iscriversi alle vostre email.

L’Email Chiude la Vendita
Quando un nuovo abbonato si iscrive alle email, è una buona idea inviargli un messaggio di benvenuto che gli spieghi cosa aspettarsi dalla vostra azienda. Ad esempio, vi consigliamo di spiegargli che gli arriveranno sia email regolari (newsletter settimanali), sia email promozionali (per le vendite o eventi speciali). L’utente medio riceve circa 416 email commerciali al mese, quindi dovete accertarvi che abbia bisogno di quello che gli state inviando, senza travolgerlo.
E’ anche importante assicurarsi che le campagne e-mail funzionino. Non ha senso investire tutti quel tempo nel social per inviare email che poi verranno messe nella cartella della posta indesiderata. Assicuratevi di monitorare i risultati delle vostre campagne regolarmente in modo da conoscere il tasso di conversione. Il ROI medio per l’email marketing è di circa 44,25 dollari per ogni dollaro speso. Usate questo dato come base per misurare le vostre prestazioni.
Infine, è necessario assicurarsi che le email siano ottimizzate per gli smartphone. Quasi la metà di tutte le email è aperta su dispositivi mobili. Il 64% di chi conclude l’acquisto consulta le email sullo smartphone. Se usate un testo complicato o immagini di grandi dimensioni, i lettori elimineranno il messaggio e passeranno al successivo, portando i loro soldi e la loro fedeltà con loro.
Non c’è bisogno di utilizzare le email e i social media uno contro l’altro. Unite le due strategie e vedrete sicuramente i risultati.

http://www.business2community.com/social-media/whats-better-email-social-media-0802989#!ALxa6

Be Sociable, Share!

    Trackbacks

    1. [...] Facebook, Twitter, Google Plus e Linkedin, per citare i principali network, sono strumenti eccezionali per diffondere contenuti in modo virale poiché sono ampiamente utilizzati dal vasto pubblico digitale. In base alle stime effettuate, in effetti, gli utenti dei social network sono l’89% dei giovani tra i 18 e i 29, il 72% delle persone tra i 30 e i 49 anni, il 60% tra i 50 e i 60 anni ed il 43% degli over 65 (fonte: audeo). [...]

    Speak Your Mind


    *

    *